Vivaldi e l'europa
barocca

Lunedì 3 giugno 2019 ore 21.00
SALA MAFFEIANA

COLLEGIUM PRO MUSICA
Orchestra barocca su strumenti originali

flauto solo e direzione STEFANO BAGLIANO
violoncello solo ERICH OSKAR HUETTER
violino solo GIULIO PLOTINO
violino ROBERTO PIGA
viola DANIELE GUERCI
violoncello ALBERTO PISANI
clavicembalo MATTEO MESSORI

Appunti di Michele Magnabosco

ACQUISTA BIGLIETTO

Vivaldi e l'europa
barocca

Lunedì 3 giugno 2019 ore 21.00
SALA MAFFEIANA

COLLEGIUM PRO MUSICA
Orchestra barocca su strumenti originali

flauto solo e direzione STEFANO BAGLIANO
violoncello solo ERICH OSKAR HUETTER
violino solo GIULIO PLOTINO
violino ROBERTO PIGA
viola DANIELE GUERCI
violoncello ALBERTO PISANI
clavicembalo MATTEO MESSORI

Appunti di Michele Magnabosco

PROGRAMMA

Johann Frederich Haendel

Concerto per flauto e archi in Fa maggiore Op. 4 No.5

Larghetto
Allegro
Alla siciliana
Allegro

Arcangelo Corelli

Arcangelo Corelli

Antonio Vivaldi

Concerto per violoncello e archi in La minore RV 422

Allegro
Largo
Allegro

Concerto per flauto e archi “Tempesta di Mare“ in Fa maggiore

Allegro
Largo
Presto

Leonardo Leo

Concerto per violoncello, due violini e B.C. in Re minore

Andante grazioso
Con spirito
Amoroso
Allegro

Johann Sebastian Bach

Suite per flauto e archi in BWV 1065
(versione in La minore per flauto diritto e archi)

Overture
Rondeau
Bourrée
Sarabande
Polonaise
Minuette
Badinerie

Informazioni utili

Lo spettacolo si svolgerà presso il Sala Maffeiana.
Come arrivare al teatro

SCARICA PROGRAMMA

Info Biglietti

Biglietti acquistabili presso il circuito Geticket, Box Office Verona e Filiali abilitate Unicredit – www.geticket.it

Poltrona intero € 20,00 + dp
Ridotto studenti fino a 25 anni € 10,00 + dp

ACQUISTA BIGLIETTO

GLI ARTISTI

Fondata nel 1990 dal flautista Stefano Bagliano, l’Ensemble e Orchestra Barocca Collegium Pro Musica è una formazione ad organico variabile specializzata nel repertorio barocco. Si distingue per essere uno dei gruppi più significativi del settore, con oltre venti registrazioni discografiche all’attivo per etichette italiane e straniere. Tiene concerti in tutta Europa, USA, Canada, Giappone, Cina, Israele e Turchia, in sale e per enti di assoluto prestigio tra cui Carnegie Hall di New York, Gasteig di Monaco di Baviera, Ishibashi Memorial Hall di Tokyo, Conservatorio Centrale di Pechino e Palazzo Venezia a Roma, in diretta radiofonica nazionale su Radio Rai 3. Si esibisce inoltre in occasione di rinomati festival musicali internazionali: Amici della Musica di Firenze, Società del Quartetto di Milano, Sounding Ierusalem Festival, Lubiana Festival, Emilia Romagna Festival e Sagra Musicale Malatestiana.

L’intensa attività discografica del Collegium Pro Musica annovera registrazioni per etichette italiane e straniere quali Brilliant Classics, Stradivarius, Dynamic, Nuova Era e Tactus, comprendendo brani di compositori come A. Vivaldi (6 CD), G. P. Telemann (4 CD), J.S. Bach, C.P.E. Bach, J.J. Quantz, B. Marcello, G. Sammartini, N. Fiorenza,  A. Scarlatti, C. Graupner, J.F. Fasch, J.G. Graun, A. Stradella e M. Bitti.

Diversi CD realizzati dal Collegium Pro sono usciti in edicola allegati ad importanti riviste e magazine musicali, tra cui per due volte la prestigiosa Amadeus, CD Classics e Orfeo. Molte registrazioni hanno raccolto entusiastiche recensioni a 5 stelle su diversi periodici musicali: con riferimento al triplo CD contenente l’integrale dei Concerti da Camera di Vivaldi, realizzato per l’etichetta olandese Brilliant Classics, le riviste Musica (Italia) e Fanfare (USA) hanno considerato la versione del Collegium Pro Musica la migliore mai realizzata, superiore a quelle finora ritenute di riferimento a livello mondiale. Ultima produzione dell’ensemble è stato un CD di Concerti e Triosonate di Johann Joachim Quantz, mentre è di prossima pubblicazione un CD di Cantate e Concerti di Alessandro Scarlatti, registrato insieme al noto soprano Roberta Invernizzi; entrambe le registrazioni sono per l’etichetta olandese Brilliant Classics.

Stefano Bagliano è uno fra i virtuosi di flauto diritto che oggi si stanno facendo maggiormente apprezzare a livello nazionale e internazionale. Diplomatosi al Conservatorio “Pollini” di Padova, si è perfezionato con F. Brüggen, K. Boeke, W. Van Hauwe e P. Memelsdorff e in direzione con F. Dorsi. Intrapresa da molti anni una intensa attività concertistica, si è esibito in veste di solista e di direttore per prestigiosi festival e istituzioni in USA, Canada, Giappone, Cina, Israele, Turchia e tutta Europa.

In qualità di solista con orchestra ha suonato con importanti formazioni tra cui Les Boreades di Montreal, Moscow Chamber Orchestra, Orchestra da Camera di Padova e del Veneto, Solisti della Scala di Milano, Academia Montis Regalis, Mainzer Kammerorchester, L’Arte dell’Arco, Ensemble Baroque de Nice, Orchestra da Camera di Istanbul, Milano Classica, Accademia I Filarmonici di Verona, Ensemble Seicentonovecento Roma, Orchestra Toscanini Parma, Orchestra da Camera della Campania e Macedonian Philarmonic Orchestra. Ha diretto concerti con celebri cantanti solisti quali Emma Kirkby, Roberta Invernizzi, Catherine King; per la musica da camera ha suonato con M. Huggett, B. Van Asperen, O. Dantone, G. Bertagnolli, H. Schellenberger, V. Ghielmi, S. Azzolini, A. Curtis, C. Chiarappa, F. Guglielmo, L. Duftschmid, E. Bronzi, A. Coen, H. Bouman, C. Astronio, F. Nicolosi. Intensa è anche l’attività discografica, con più di 20 CD registrati come solista per varie etichette italiane ed estere. Fra le più recenti produzioni troviamo le registrazioni dei Concerti per flauto Op. 10 di Vivaldi per Stradivarius e l’integrale dei Concerti da Camera di Vivaldi per Brilliant Classics, che hanno raccolto entusiastiche recensioni su celebri magazine musicali, tra cui Musica e Amadeus. In particolare, il critico James Altena scrive sul mensile americano Fanfare (marzo 2013): “una menzione speciale per il flautista Stefano Bagliano, è così virtuoso sul suo strumento come non ne ho mai sentiti”. Attivo anche in campo didattico, ha tenuto corsi e seminari per vari enti tra cui ISA Sommer Akademie dell’Università di Vienna, Istituto Gnessins di Mosca, Hochschule di Stoccarda, Akademie für Alte Musik di Brema, Corsi di Musica Antica FIMA ad Urbino, Boston Recorder Society, Conservatorio di Oporto-Portogallo, Accademia Europea di Musica Antica Bolzano, Societé Valaisanne de la Flute di Sion-Svizzera, Conservatori di Torino, Genova, Bari, Pescara, Campobasso e Cosenza, Corsi Musicali di Genova Nervi e di Monte San Savino. Direttore del Dipartimento di Musica Antica più grande d’Italia presso il Conservatorio “Pedrollo” di Vicenza, è docente di flauto diritto e musica d’insieme presso lo stesso istituto.

Nato nel 1973, Erich Oskar Huetter ha studiato con maestri quali H. Posch presso l’Università di Musica di Graz e R. Latzko presso la Musikakademie di Basilea dove, nel 1999, ha ottenuto, con il massimo dei voti, il diploma di solista e l’abilitazione all’insegnamento. In seguito ha frequentato corsi di perfezionamento con rinomati solisti, quali Janos Starker presso l’Indiana University (USA), Ralph Kirshbaum presso il Royal Northern College of Music di Manchester e Mischa Maisky presso l’Accademia Chigiana di Siena.

Si è esibito come solista sotto importanti direttori d’orchestra del calibro di Daniel Barenboim, Julien Salemkour e Alexei Korniekov. Sempre come solista, ha suonato nelle maggiori sale da concerto, fra le quali Musikverein e Konzerthaus (Vienna), Mozarteum (Salisburgo), Brucknerhaus (Linz), Beethoven-Haus (Bonn), Royal Castle (Varsavia), Lisinski Hall (Zagabria), Kennedy Center e Libreria del Congresso (Washington), Quartier Generale dell’ONU e Austrian Culture Forum (New York), Imola (Emilia Romagna Festival), Jin Mao Concert Hall e Shanghai Conservatory (Shanghai), Casino (Basilea), Bucarest (Sonoro Festival), Stefaniensaal (Graz), Jerusalem Music Center, Prades (Festival Pablo Casals), Philharmonie (Berlino), Glocke (Bremen), Valencia (Philharmony), National Conservatory di Singapore, Schleswig Holstein Music Festival,  International Mozart Festival (Johannesburg).

È membro del sestetto d’archi Hyperion Ensemble e dell’Arcus Ensemble Vienna. Si esibisce regolarmente in duo con il famoso pianista viennese Paul Gulda. Huetter è stato fondatore e direttore artistico dello Styrian Chamber Music Festival ed è direttore del festival Sounding Jerusalem della Città Vecchia di Gerusalemme. Recentemente ha fondato l’iniziativa socio-culturale “haus.kultur – Die Steirischen Nachbarschaftskonzerte” a Graz e ha dato il via ad un progetto musicale in Zimbabwe (www.amuse.co.at). È conosciuto da un pubblico più vasto anche grazie alle sue svariate apparizioni sia in radio che in televisione, come anche per l’incisione di vari CD.

Nato a Genova, ha iniziato lo studio del violino con Joseph Levin. Ottenuto il diploma nel conservatorio della sua città, si è successivamente laureato presso la Hogeschool voor de Kunsten di Utrecht nella classe di Philipp Hirschhorn. Si è inoltre perfezionato sotto la guida di Salvatore Accardo, Boris Belkin, Thomas Zeethmair ed i membri dei Quartetti Italiano, Amadeus ed Alban Berg.
Si è laureato al concorso internazionale “Premio Paganini” di Genova e ha vinto il concorso “Premio Città di Vittorio Veneto”.

Per 15 anni ha collaborato come Primo Violino con orchestre quali London Philharmonic Orchestra, Teatro alla Scala di Milano, Gran Teatro La Fenice di Venezia, Barcelona Symphony Orchestra West Australian Symphony Orchestra, Malaysian Philharmonic Orchestra, sotto la direzione di Lorin Mazel, George Pretre, Kurt Masur, Riccardo Chailly, Daniele Gatti, John Elliot Gardiner, Sir Colin Davis, Daniel Harding, Myun Wung Chung, Vladimir Jurowsky, Neville, Marriner, Dimitri Kitajenko e tanti altri.
L’incontro con Andrea Marcon e la Venice Baroque Orchestra lo ha visto protagonista di un lungo tour americano su strumenti d’epoca, dove ha riscosso ampio successo di pubblico e critica. Sempre nell’ambito della musica antica, ha collaborato con Ottavio Dantone nell’esecuzione del V Concerto Brandeburghese di J. S. Bach. Di imminente uscita per Brilliant Classics, ha registrato i concerti di Tartini al violino barocco con L’Accademia della Rosa, orchestra su strumenti d’epoca da lui fondata.
Ha tenuto concerti in sedi rinomate come il Lehamn Centre di New York, la Cité de la Musique ed il Musée d’Orsay di Parigi, lo Styriarte Festspiele di Graz, il Centro Cultural de Belém di Lisbona, il Melbourne Recital Centre, la Yon Siew Toh Hall di Singapore, il Teatro Major di Bogotà, la Perth Concert Hall, il Teatro La Fenice di Venezia, l’Unione Musicale di Torino, l’Istituzione dei concerti La Sapienza di Roma, la GOG di Genova, la Società del Quartetto di Vicenza e gli Amici della Musica di Firenze, Padova, Perugia, Palermo.

Calendario Festival

1 Aprile

STEFANO BOLLANI – RHAPSODY IN BLUE

Teatro filarmonico / ore 21.00

10 Aprile

PER LA FINE DEI TEMPI

Aula Magna Università / ore 21.00

15 Aprile

FABIO TESTI – CONCERTO D’AMORE IN VERSI

Teatro filarmonico / ore 21.00

6 Maggio

MOZART IN VERONA

Sala Maffeiana / ore 21.00

20 Maggio

SPETTRI DEL ROMANTICISMO

Sala Maffeiana / ore 21.00

26 Maggio

CHAGALL & KANDINSKY – IL COLORE DEI SUONI

Teatro Ristori / ore 21.00

3 Giugno

VIVALDI E L’EUROPA BAROCCA

Sala Maffeiana / ore 21.00

17 giugno

PIERROT LUNAIRE

Sala Maffeiana / ore 21.00

Ticket Partner

PATROCINIO

PARTNER